Tra i farmaci molto utilizzati nelle prime fasi contro la Covid-19 alcuni non hanno dimostrato alcuna valida prova di efficacia né presentano un razionale di utilizzo. Anzi, potrebbero persino aggravare le condizioni cliniche. Quali sono questi farmaci? Che cosa dice la ricerca scientifica?

Queste le domande cruciali a cui si darà una risposta basata sui dati disponibili e sulle conoscenze fisiopatologiche, con la Conferenza che si terrà a Milano il 20 Novembre 2021 dalle 10.30 alle 12.00 all’Auditorium di via Don Carlo San Martino 8, a cura della Fondazione Allineare Sanità e Salute.

Come già anticipato nella prima conferenza stampa del 23 ottobre scorso “Terapie precoci antiCovid-19 sicure, economiche, accessibili e di utilità documentata”, le strategie di lotta alla Covid-19 dovrebbero ampliare il raggio d’azione e fondarsi su almeno cinque pilastri tra loro complementari:

1- prevenzione primaria ambientale
2- prevenzione primaria comportamentale
3- profilassi vaccinale basata sulle migliori prove disponibili
4- contrasto a cure prive di adeguata giustificazione e potenzialmente dannose
5- promozione di terapie, anche precoci, che si mostrino, sicure, economiche e di ragionevole efficacia.

Le strategie del Governo oggi sono focalizzate sulla profilassi vaccinale, ma si ritiene indispensabile aggiungere anche altri approcci, che possono contribuire a uscire in modo più rapido ed efficace dalla pandemia, rendendone più consapevoli i sanitari e gli assistiti.

Le relazioni saranno a cura di Alberto Donzelli (medico, già dirigente di Sanità Pubblica, Comitato scientifico Fondazione Allineare Sanità e Salute) e Paolo Bellavite (medico, specializzato in Ematologia, master of Science in biotecnologia, già docente universitario di Patologia Generale).

Appello

Strategie anti-Covid-19: serve un confronto anche con posizioni scientifiche critiche

«Abbiamo fiducia nel fatto che la scienza, se libera da interessi e pressioni, sappia risolvere i problemi, non con pregiudizi o rifiuto al confronto da parte degli scienziati prevalenti numericamente in un certo periodo, ma con la ricerca osservazionale e sperimentale, con validi metodi di indagine e analisi, raccolta dei risultati e comunicazione libera e trasparente delle conclusioni. Restando sempre aperti a rivedere le attuali convinzioni e paradigmi se nuove osservazioni mettono in discussione o ampliano le conoscenze.

Ciò trova anche riscontro nell’art. 33 della Costituzione: “L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento”, e implica che un dibattito fondato sull’accettazione del metodo scientifico non può essere soppresso, neppure dalle Istituzioni.

Mettere in dubbio, con l’onere della prova verità date per scontate non è un atteggiamento antiscientifico. Al contrario, qualsiasi censura del dibattito scientifico è controproducente per il pensiero scientifico stesso.

Si tornano a invitare Politica e Portatori d’interesse ad assicurare da subito un ambiente antidogmatico, favorevole al libero dibattito scientifico, trasparente, senza conflitti di interessi, condizione per il progresso della scienza, della conoscenza e della società.»

Promotrice: Fondazione Allineare Sanità e Salute

Aderiscono alla necessità non più rinviabile di un dibattito scientifico libero ed esente da conflitti di interesse:

Assessorato alla Sanità Regione Piemonte, Gruppo NoGrazie, Medicina Democratica, Coordinamento Nazionale Marketing Sociale, Rete Mediterranea per l’Umanizzazione della Medicina, LUMEN APS, AsSIS, ACU-Associazione Consumatori Utenti, Presidente Albo Odontoiatri OMCeO La Spezia Dott. Sandro Sanvenero, Coordinamento 15 ottobre

Giornalisti e accademici: Marcello Foa, Maria Giovanna Maglie, Ivan Cavicchi, Gioia Locati, Eduardo Missoni (Medico, Docente di Salute Globale), Alberto Contri (Docente di Comunicazione Sociale), Mario Menichella (Fisico, già INFN), Marco Cosentino (Medico, Prof. Ordinario di Farmacologia), Mariano Bizzarri (Oncologo, Direttore Laboratorio Biologia dei Sistemi), Giovanni Frajese (Medico, Prof. di Endocrinologia), Paolo Bellavite (già Docente di Patologia Generale)

Sei interessato ad apparire sui nostri canali?